Guida pratica alla detrazione fiscale 2021 per tende da sole e schermature solari

09.21 — News e eventi

Creare uno spazio outdoor elegante e confortevole per la propria casa oggi è ancora più conveniente grazie gli incentivi, che consentono di acquistare una nuova copertura solare recuperando fino ad un massimo del 50% o del 110% dell’intero investimento, in forma di detrazione fiscale.

In questa pagina vi forniamo alcune indicazioni sulle Detrazioni Fiscali di cui possono fruire gli interventi di installazione/sostituzione di schermature solari.

I contenuti della pagina rappresentano un’esposizione di quanto previsto dalle varie normative in essere al momento della sua redazione e l’interpretazione di Pratic su alcuni ambiti di applicazione operativa che non possono, in alcun caso, assumere il rilievo di una consulenza professionale in materia.

Per la soluzione di problematiche specifiche e per un quadro aggiornato della normativa, ancora oggi oggetto di modifiche, si suggerisce di rivolgersi a propri consulenti e professionisti di fiducia o visitare i siti istituzionali in materia.

Sommario:

1. Cosa sono le schermature solari?

2. Che cos’è la detrazione fiscale?

3. Quando le schermature solari possono beneficiare delle detrazioni fiscali?

4. Quali spese sono ammissibili?

5. Quali sono i limiti di spesa e costo?

6. Chi può fruire delle detrazioni fiscali?

7. Quali immobili possono beneficiare della detrazione?

8. Come si può fruire delle detrazioni fiscali?

9. Documentazione necessaria

10. Ecobonus o Superbonus? Un confronto.

11. Domande e dubbi ulteriori

Approfondimenti


1. Cosa sono le schermature solari?

La normativa di riferimento per le schermature solari è l’Allegato M al D.L. 311/2006, richiamata anche dalle più recenti disposizioni in materia (Decreto Rilancio, Decreto Requisiti, ecc.). Tale normativa definisce le schermature solari “i sistemi che, applicati all’esterno di una superficie vetrata trasparente, permettono una modulazione variabile e controllata dei parametri energetici e ottico luminosi in risposta alle sollecitazioni solari”.

Sono pertanto schermature solari le tende da sole a caduta o a braccio, le pergole e le pergole bioclimatiche, purché rispondenti ai requisiti indicati. Non sono invece schermature solari i frangisole fissi in quanto non permettono una modulazione “variabile e controllata” dei parametri energetici.


2. Che cos’è la detrazione fiscale?

La detrazione fiscale è una diminuzione delle imposte dovute dal contribuente perché ha sostenuto spese destinate a specifiche finalità individuate dallo Stato, come ad esempio adeguare il patrimonio edilizio esistente a nuovi standard di sicurezza antisismica o migliorare l’efficienza energetica di edifici esistenti.

Attualmente le due principali tipologie di incentivi di cui poter beneficiare con l’acquisto di una pergola o tenda da sole Pratic sono:

  • Ecobonus 50%
  • Superbonus 110%

Entrambe subordinate al miglioramento dell’efficienza energetica di edifici già esistenti. Le indicazioni che seguono si riferiscono esclusivamente a queste due tipologie di detrazioni fiscali.


3. Quando le schermature solari possono beneficiare delle detrazioni fiscali?

Per ottenere la detrazione, le schermature solari, tra cui le tende da sole e le pergole, devono rispondere ai seguenti requisiti fondamentali:

  • devono essere applicate in modo solidale con l’involucro edilizio e non liberamente montabili e smontabili dall’utente;
  • devono essere poste a protezione di una superficie vetrata;
  • possono essere installate all’interno, all’esterno o integrate alla superficie vetrata;
  • devono essere mobili, devono cioè permettere gli apporti energetici positivi impacchettandosi. Per tale ragione, le pellicole solari o le schermature fisse non sono detraibili;
  • devono essere schermature “tecniche” e possedere livelli di prestazione della classe di schermatura solare energetica pari a gTot ≤ 0,35;
  • devono essere installate con orientamento da EST a OVEST passando per SUD, rimanendo pertanto esclusi gli orientamenti a NORD, NORD-EST e NORD-OVEST;
  • devono possedere una marcatura CE;
  • devono rispettare le leggi e normative nazionali e locali in tema di sicurezza e di efficienza energetica.

Oltre ai requisiti indicati, validi sia per l’Ecobonus 50 che per il Superbonus 110, per accedere alla detrazione fiscale del Superbonus 110%, l’installazione / sostituzione delle schermature solari deve:

  1. essere associata ad uno degli interventi cosiddetti “trainaNTI” (si veda art. 119 comma 1 del c.d. Decreto Rilancio, convertito in legge 77 del 17 luglio 2020:
  2. interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio (coibentazione di involucri edilizi per almeno 25% della superficie disperdente);
  3. interventi per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione effettuati sulle parti comuni o su edifici unifamiliari;
  4. congiuntamente con gli altri interventi, garantire il guadagno di almeno due classi di attestazione delle prestazioni energetiche dell’edificio o il conseguimento della classe energetica più alta.

4. Quali spese sono ammissibili?

Sono ammissibili le spese per:

  • fornitura e posa in opera (tra cui, ad esempio, l’installazione di ponteggi, il noleggio di attrezzature necessarie all’installazione, il “tiro al piano”, la manodopera per l’installazione, ecc.);
  • eventuale smontaggio e dismissione di analoghi sistemi preesistenti (compresolo smaltimento dei materiali rimossi per eseguire i lavori);
  • opere provvisionali e accessorie;
  • spese per le prestazioni professionali necessarie alla realizzazione degli interventi nonché della documentazione tecnica necessaria, comprese eventuali perizie, sopralluoghi, spese di progettazione, ecc.

Non possono fruire dell’agevolazione gli interventi di sostituzione parziale di componenti del prodotto, quali telo, motori, manovre, ecc.


5. Quali sono i limiti di spesa e costo?

Per gli interventi iniziati a partire dal 6 ottobre 2020, si dovrà effettuare un doppio controllo sulle spese detraibili, per verificare di non eccedere i massimali di spesa: il rispetto dei massimali di spesa per unità immobiliare ed il rispetto dei limiti di costo a mq per singolo intervento. Nella tabella che segue riepiloghiamo i vincoli previsti per le due detrazioni.

Ecobonus 50Superbonus 110
Beneficiando di una detrazione pari al 50% delle spese ammesse, il limite massimo di spesa per unità immobiliare sarà pari a 120.000 Euro, cui corrisponde un limite massimo di spese detraibili pari a 60.000 Euro.   Il decreto Requisiti del 6 agosto 2020 stabilisce che per gli interventi iniziati a partire dal 6 ottobre 2020 nei quali l’asseverazione tecnica può essere sostituita dalla dichiarazione del fornitore (come nel caso delle schermature solari), il costo massimo ai fini della detrazione è pari a 230 Euro / mq di superficie schermante, al netto di IVA, prestazioni professionali e opere complementari relative all’installazione ed alla messa in opera delle schermature solari (allegato I).   Il limite dei 230 Euro / mq si riferisce pertanto esclusivamente alla fornitura della schermatura solare (tenda da sole, pergola, pergola bioclimatica), rimanendo escluse, ad esempio, le spese per prestazioni professionali eventualmente necessarie per il rilascio della dichiarazione del fornitore e per la compilazione della pratica Enea, l’eventuale ponteggio, o l’utilizzo di una piattaforma di sollevamento, il trasporto, il tiro al piano, il bancale esterno, l’eventuale smontaggio di strutture esistenti, la posa della struttura, le operazioni di collaudo finale, ecc.; tutte voci che rappresentano costi aggiuntivi detraibili.   Rimane inoltre teoricamente percorribile la soluzione di richiedere ad un tecnico specializzato l’asseverazione della congruità dei costi dell’intervento (anche per spese superiori ai 230 Euro / mq), come previsto per gli interventi del Superbonus. A differenza di quanto previsto per il Superbonus 110, il computo metrico predisposto ai fini dell’asseverazione non andrà allegato nel portale Enea in fase di compilazione della pratica, ma conservato dal beneficiario.Beneficiando di una detrazione pari al 110% delle spese ammesse, il limite massimo di spesa per unità immobiliare sarà pari a 54.545 Euro circa, cui corrisponde un limite massimo di spese detraibili pari a 60.000 Euro.   Il decreto Requisiti del 6 agosto 2020 stabilisce anche per il Superbonus la verifica del non superamento dei limiti di costo. In questo caso però il compito è obbligatoriamente demandato a un professionista abilitato che dovrà asseverare il rispetto dei costi massimi, stabilendo così gli importi detraibili degli interventi effettuati.   Il tecnico dovrà predisporre un computo metrico a partire dai prezzari nazionali o da quelli predisposti dalla regione in cui è ubicato l’immobile oggetto di intervento, oppure, qualora nei prezzari non fossero presenti le voci necessarie, eseguendo un’analisi dei prezzi di mercato, eventualmente avvalendosi anche dei valori indicati nell’allegato I (230 Euro / mq).   I costi sostenuti, per essere detraibili, dovranno essere inferiori o uguali ai prezzi medi delle opere calcolati nel computo asseverato.   Il computo metrico predisposto ai fini dell’asseverazione dovrà essere allegato nel portale Enea in fase di compilazione della pratica.

6. Chi può fruire delle detrazioni fiscali?

I potenziali beneficiari delle detrazioni fiscali sono diversi nel caso di Ecobonus o Superbonus 110, come indicato nella seguente tabella

Ecobonus 50Superbonus 110
Tutti i contribuenti che: – sostengono le spese di riqualificazione energetica e – possiedono un diritto reale sulle unità immobiliari costituenti l’edificio.   Pertanto, possono essere beneficiari della detrazione i contribuenti, residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, un diritto sull’immobile oggetto dell’intervento, quali:   persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni:proprietari o usufruttuari dell’immobile;condòmini, per gli interventi sulle parti comuni condominiali;inquilini;familiari fino al terzo grado (conviventi con il possessore);detentori dell’immobile in comodato   i contribuenti che conseguono reddito d’impresa, le associazioni tra professionisti, gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale, possessori o comunque utilizzatori dell’immobile.La detrazione è riservata ai contribuenti proprietari di un immobile e a coloro che ne detengono un diritto al momento dei lavori o del sostenimento delle spese (nudi proprietari, titolari di diritti reali di godimento quali usufrutto, uso, abitazione o superficie, locatari in possesso del consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario e familiari del possessore o del detentore dell’immobile). A beneficiare del bonus sono pertanto: persone fisiche;condomini;istituti autonomi case popolari (IACP) comunque denominati, nonché gli enti con le stesse finalità sociali e istituti in forma di società che rispondono ai requisiti della legislazione europea sull’in house providing per gli interventi di efficienza energetica realizzati su immobili di loro proprietà, gestiti per conto dei comuni o adibiti a edilizia residenziale pubblica;cooperative di abitazione a proprietà indivisa per gli interventi sugli immobili da esse posseduti e assegnati ai propri soci;organizzazioni senza scopo di lucro, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale del terzo settore;associazioni e società sportive dilettantistiche (ASD), ma solo per gli interventi su immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi;   I titolari di reddito d’impresa o professionale, in linea generale esclusi dalla detrazione, possono rientrare tra i beneficiari nella sole ipotesi di partecipazione alle spese per interventi effettuati dal condominio sulle parti comuni o qualora le spese sostenute abbiano ad oggetto interventi effettuati su immobili appartenenti all’ambito “privatistico” (circ. Agenzia delle Entrate nr. 24 del 8 agosto 2020)  

7. Quali immobili possono beneficiare della detrazione?

Ecobonus 50Superbonus 110
Tutti gli edifici che alla data d’inizio dei lavori, siano “esistenti”, ossia accatastati o con richiesta di accatastamento in corso, e in regola con il pagamento di eventuali tributi. La detrazione è valida per tutti gli immobili, di qualsiasi categoria catastale, anche privi di impianto termico (condizione valevole solo per alcuni tipi di interventi tra cui l’installazione di schermature solari).   Possono beneficiare della detrazione anche edifici o parti di edifici destinati ad attività di impresa o attività professionaliEdifici a destinazione residenziale quali condomìni, edifici monofamiliari e dalle unità immobiliari funzionalmente indipendenti e dotate di accesso autonomo esterno, prime e seconde case. Sono escluse le abitazioni di tipo signorile, le abitazioni in ville e castelli (categorie catastali A1, A8 e A9).   Gli immobili non devono evidenziare irregolarità o abusi edilizi pendenti.

8. Come si può fruire delle detrazioni fiscali?

I beneficiari delle detrazioni potranno usufruirne secondo tre diverse modalità:

  1. utilizzo diretto della detrazione da parte del contribuente, nei tempi e modi previsti dalla normativa (10 anni per l’Ecobonus 50; 5 anni per il Superbonus 110);
  2. cessione del credito ad un soggetto terzo: il beneficiario può optare per la cessione del credito da lui maturato a istituti finanziari, fornitori, professionisti, utilities, ecc. i quali potranno poi cederlo a loro volta o utilizzarlo in compensazione con le stesse modalità del beneficiario originario;
  3. sconto in fattura: il beneficiario può concordare con il fornitore / installatore il riconoscimento di uno sconto direttamente in fattura per un importo pari al credito fiscale. Anche in questo caso il fornitore potrà, a sua volta, utilizzare il credito da lui maturato a seguito dello sconto in fattura per compensare propri debiti fiscali, con le stesse modalità del beneficiario originario  o cedere il credito a soggetti terzi.

9. Documentazione necessaria

 Ecobonus 50Superbonus 110
Documentazione da trasmettere all’Enea“Scheda descrittiva dell’intervento”, entro i 90 giorni dalla data fine dei lavori o di collaudo delle opere, esclusivamente attraverso l’apposito sito web relativo all’anno in cui essi sono terminati (https://detrazionifiscali.enea.it/) .“Scheda descrittiva dell’intervento”, entro i 90 giorni dalla data fine dei lavori o di collaudo delle opere, esclusivamente attraverso l’apposito sito web relativo all’anno in cui essi sono terminati; Asseverazione tecnica e di congruità dei costi, comprensiva degli allegati obbligatori (APE pre e post intervento, polizza assicurativa del tecnico asseveratore, fatture delle spese sostenute, computo metrico) (https://detrazionifiscali.enea.it/)
Documentazione da conservare a cura del beneficiarioDI TIPO “TECNICO”: certificazione del fornitore/ produttore/ assemblatore che attesti il rispetto dei requisiti tecnici previsti dalla norma; stampa originale della “scheda descrittiva dell’intervento”, riportante il codice CPID assegnato dal sito ENEA, firmata dal soggetto beneficiario; schede tecniche dei componenti e marcatura CE con relative dichiarazioni di prestazione (DoP).   DI TIPO “AMMINISTRATIVO”: delibera assembleare di approvazione di esecuzione dei lavori nel caso di interventi sulle parti comuni condominiali; fatture relative alle spese sostenute, ovvero documentazione relativa alle spese il cui pagamento non possa essere eseguito con bonifico, e per gli interventi su parti comuni condominiali dichiarazione dell’amministratore del condominio che certifichi l’entità della somma corrisposta dal condomino; ricevute dei bonifici (bancari o postali dedicati ai sensi della Legge 296/2006) recanti la causale del versamento, con indicazione degli estremi della norma agevolativa, il codice fiscale del beneficiario della detrazione, il numero e la data della fattura e il numero di partita IVA o il codice fiscale del soggetto destinatario del singolo bonifico; i contribuenti non titolari di reddito di impresa devono effettuare il pagamento delle spese sostenute mediante bonifico bancario o postale (anche “on line”). I contribuenti titolari di reddito di impresa sono invece esonerati dall’obbligo di pagamento mediante bonifico bancario o postale. In tal caso, la prova delle spese può essere costituita da altra idonea documentazione; stampa della e-mail inviata dall’ENEA contenente il codice CPID che costituisce garanzia che la scheda descrittiva dell’intervento è stata trasmessa.DI TIPO “TECNICO”: Asseverazione completa degli allegati obbligatori redatta e firmata da un tecnico abilitato, ai sensi dell’art 119 comma 13 punto a) DL 34 2020 (decreto Rilancio) attestante il rispetto dei requisiti tecnici e della congruità dei costi; Stampa in originale della «Scheda Descrittiva» degli interventi, riportante il codice CPID 3 assegnato dal Portale SuperEcobonus 110 firmata dal tecnico abilitato e dal soggetto beneficiario; Copia della relazione tecnica, di cui all’art 8 comma 1 del D lgs 192 05 e s m i .(ex Legge 10 91) o provvedimento regionale equivalente (dal 6/10/2020 sempre obbligatoria);APE (Attestato di Prestazione Energetica) di ogni singola unità immobiliare per cui si richiedono le detrazioni nello stato finale e con tutti i servizi energetici presenti nella situazione post intervento; Specifica documentazione tecnica a seconda degli interventi trainaNTI realizzati (si rimanda a documentazione Enea sull’argomento).   DI TIPO “AMMINISTRATIVO”: titolo edilizio, ove richiesto, in relazione alla tipologia di lavori da realizzare (SCIA, CILA, ecc.);delibera assembleare di approvazione di esecuzione dei lavori e tabella millesimale di ripartizione delle spese nel caso di interventi riguardanti le parti comuni condominiali; dichiarazione di consenso da parte del/la proprietario/a per i lavori effettuati dal detentore dell’immobile; fatture relative alle spese sostenute ovvero certificazione delle somme corrisposte dal condòmino per gli interventi sulle parti comuni; ricevuta dei bonifici «parlanti» bancari o postali; stampa della e-mail ricevuta dall’ENEA contenente il codice ASID che costituisce ricevuta che l’asseverazione è stata trasmessa
Altri adempimentiPur se non espressamente e chiaramente previsto nelle normative, di fatto per la cessione del credito d’imposta derivante da un intervento Ecobonus 50, l’acquirente richiede una certificazione / attestazione sulla correttezza della documentazione relativa all’intervento.  Ai soli fini dell’opzione per la cessione del credito o sconto in fattura è necessario conservare a cura del beneficiario anche il Visto di conformità (art 119 comma 11 DL 34 2020) dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta, rilasciato dai soggetti abilitati (dottori commercialisti, ragionieri, periti commerciali e consulenti del lavoro, responsabili dell’assistenza fiscale dei CAF)

10. Ecobonus o Superbonus? Un confronto

Nella seguente tabella riportiamo le principali differenze tra le due detrazioni fiscali, nel caso di interventi su unità immobiliari autonome e indipendenti.

Detrazione fiscaleEcobonus 50Superbonus 110
Tipologia di beneficiarioPersone fisiche (IRPEF)Titolari di reddito d’impresa e professionisti (IRES) che godono di diritti sull’immobilePersone Fisiche (IRPEF)IACP, Coop, Onlus che godono di diritti sull’immobile   sono quindi in generale esclusi i titolari di reddito d’impresa e professionisti (IRES)
Tipologia di immobileResidenziali e non residenzialiSolo residenziali
Tetto massimo di spesa per unità immobiliare€ 120.000€ 54.545
Massimali di spesa detraibileCon dichiarazione del fornitore: 230 €/mq al netto di IVA, prestazioni professionali e opere complementari relative alla installazione e alla messa in opera delle tecnologie (Decreto Requisiti, allegato I) Con attestazione del tecnico abilitato: come per SuperbonusLa congruità delle spese è asseverata da un tecnico professionista sulla base di: Prezzari regionali e DEIMetodo analiticoLimiti previsti dall’Allegato I (230 €/mq)
Percentuale di detrazione50% delle spese ammissibili110% delle spese ammissibili
Detrazione massima€ 60.000 per unità immobiliare, nei limiti dei massimali a mq di ciascun intervento€ 60.000 per unità immobiliare, nei limiti della congruità asseverata
Periodo di utilizzabilità della detrazione fiscale10 anni5 anni
Altri requisiti tecnici//L’intervento complessivo (trainaNTI + trainaTI) deve raggiungere l’obiettivo di miglioramento di 2 classi energetiche o, se non possibile, il raggiungimento della classe massima di efficienza energetica
Limiti temporali di sostenimento delle speseSpese sostenute dal 01.01.2021 al 31.12.2021Scadenze differenziate a seconda del tipo di beneficiario e delle tipologie di intervento: Casi Scadenza 110% su ecobonus, sismabonus, fotovoltaico, accumulo e colonnine per i condomìni, per i lavori sulle parti comuni condominiali. 31.12.2022 (1) 110% su ecobonus, sismabonus, fotovoltaico, accumulo e colonnine per le persone fisiche, proprietarie uniche o in comproprietà di “edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate” (con parti comuni). 30.06.2022 ovvero 31.12.2022, solo se alla data del 30.06.2022 saranno effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo (1) 110% esclusi sismabonus, fotovoltaico accumulo e colonnine per gli Iacp. 30.06.2023 (1) 110% per ecobonus, sismabonus, fotovoltaico, accumulo e colonnine per gli Iacp. 30.06.2023 ovvero 31.12.2023, solo se alla data del 30.06.2023 saranno effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo (1). 110% per ecobonus, sismabonus, colonnine, per tutti gli altri soggetti, come ad esempio, le persone fisiche per i lavori sulle singole unità immobiliare ovvero su un edificio unifamiliare. 30.06.2022 (2) 110% per fotovoltaico e accumulo, per tutti i soggetti (es: persone fisiche per lavori su singole unità immobiliari ovvero su abitazione unifamiliare) 31.12.2021 o 30.06.2022 (2) a seconda della normativa di riferimento (3)
  Questa proroga dovrebbe aver ricevuto indirettamente l’autorizzazione del Consiglio dell’Unione europea, grazie all’approvazione, dello scorso 22 giugno 2021 “della valutazione del piano per la ripresa e la resilienza dell’Italia. Questa proroga è stata introdotta dall’articolo 1, comma 66, Legge 30 dicembre 2020, n. 178; la sua “efficacia” è “subordinata alla definitiva approvazione da parte del Consiglio dell’Unione europea”.Si rimanda a quanto disposto dall’art. 119 c.5 del D.L. 19 maggio 2020 (Decreto Rilancio).  

11. Domande e dubbi ulteriori

Riportiamo di seguito le nostre risposte ad alcune domande che ci sono giunte su aspetti relativi alle detrazioni fiscali per le schermature solari e argomenti “collaterali”, che rappresentano la nostra interpretazione della situazione e non hanno, in nessun caso, valore legale né rappresentano consulenza specialistica sui punti trattati.

a. Quali rischi corrono il beneficiario ed il fornitore in caso di controlli da parte delle Autorità preposte?

Il beneficiario,

  • in caso di mancata sussistenza dei requisiti per la detrazione: rischia il recupero dell’imposta, maggiorato di interessi e sanzioni;
  • in caso di utilizzo di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, tramite le quali indica in dichiarazione elementi passivi fittizi al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto: rischia la reclusione da quattro a otto anni (d.lgs 74/2000 art.2, c.1); la pena si riduce a reclusione da un anno e sei mesi a sei anni se gli elementi passivi fittizi sono inferiori a 100.000 euro (d.lgs 74/2000 art.2 c. 2-bis).

Il fornitore/cessionario:

  • in caso di utilizzo in modo irregolare o in misura maggiore del dovuto del credito d’imposta: rischia il recupero del credito, maggiorato di interessi e sanzioni;
  • in caso di concorso alla violazione: è responsabile in solido con il beneficiario;
  • in caso di emissione di fatture false o altri documenti per operazioni inesistenti al fine di consentire a terzi l’evasione delle imposte sui redditi o sul valore aggiunto: il fornitore rischia la reclusione da quatto a otto anni (d.lgs 74/2000 art.8, c.1); la pena si riduce a reclusione da un anno e sei mesi a sei anni se l’importo non rispondente al vero è inferiore a 100.000 euro per periodo d’imposta (d.lgs 74/2000 art.8 c. 2-bis).

b. Nella compilazione on line della comunicazione Enea per un intervento di Ecobonus 50 non trovo alcun riferimento al limite dei 230 Euro / mq, ma soltanto un campo con l’indicazione “costo totale delle schermature solari”. Come mi devo comportare?

>> Allo stato attuale confermiamo che nel modulo on line l’unico campo compilabile è quello del “costo totale delle schermature solari”; l’importo da inserire deve comprendere anche le spese professionali, che vanno poi specificate nuovamente in altra parte del modulo. Sulla base della nostra esperienza consigliamo di inserire nel campo “costo totale delle schermature solari” il costo calcolato sulla base di quanto previsto dall’allegato I: 230 euro * mq della schermatura solare + costi accessori e spese professionali + iva (se il beneficiario è persona fisica) o di quanto riportato nell’asseverazione di congruità dal tecnico abilitato (computo metrico). Infine, suggeriamo di specificare le modalità di calcolo nel campo “Note” in calce alla tabella (si veda lo screenshot riportato di seguito).  

Modulo ENEA per detrazione ecobonus per schermature solari
Dettaglio Modulo ENEA per detrazione Ecobonus per schermature solari

c. L’installazione di una tenda da sole o una pergola è soggetta ad autorizzazione edilizia o altri permessi?

>> L’installazione o la sostituzione di tende da sole e pergole non necessita, di regola, di autorizzazioni edilizie né paesaggistiche; a tal proposito si veda, da ultimo, la sentenza del Consiglio di Stato n. 03393/2021 avverso a Roma Capitale. È però necessario verificare la presenza di eventuali indicazioni in merito nel regolamento condominiale.

d. L’installazione /sostituzione di una tenda da sole o una pergola è soggetta ad IVA agevolata al 10%?

>> L’Agenzia delle Entrate, con la risposta n. 10 del 02.10.2020 ha esplicitato che le condizioni per applicare l’IVA agevolata alla fornitura di schermature solari e tende da sole ricorrono solo nel caso in cui esse siano installate:

  • nell’ambito di interventi di manutenzione / ristrutturazione edilizia con sostituzione di infissi e serramenti e contemporaneamente
  • in alternativa o in sostituzione dei sistemi oscuranti tradizionali (persiane, scuri, ecc.) per svolgerne le medesime funzioni.

Approfondimenti

Consulta i siti e le pagine ufficiali sulle detrazioni fiscali, Ecobonus e Superbonus:

Ti raccomandiamo inoltre di prendere visione dei vademecum e delle FAQ Enea su Ecobonus, Superbonus110% ed altre detrazioni fiscali alla pagina: http://www.efficienzaenergetica.enea.it/detrazioni-fiscali.html

Contattaci










    Iscriviti alla newsletter


    News